Navigazione veloce

Presentazione del progetto “Le colline della Legalità”

Giovedì 7/12/2017 a Misterbianco si è tenuta la Conferenza di presentazione del progetto “Le colline della legalità”.

Quando si parla di legalità, l’istituto comprensivo “ Leonardo da Vinci” è sempre in prima fila. Dopo aver preso parte al progetto “Dialoghiamo con la cultura della legalità” il filo continua con un nuovo ed entusiasmante progetto: “Le colline della legalità”.

Il nuovo progetto vedrà impegnati circa 200 studenti delle classi quinte della scuola Primaria e delle classi prime della scuola Secondaria del nostro Istituto che si confronteranno con una nuova sfida: la riappropriazione di un terreno confiscato alla mafia. I nostri alunni parteciperanno a laboratori di cittadinanza attiva e visiteranno il bene confiscato.

“Le colline della legalità” è un progetto ben strutturato con partners di riconosciuto spessore quali  l’AIES (Associazione Italiana Educazione Sanitaria), la Cooperativa Energ.etica, Il Giardino dell’Arcobaleno, l’Istituto d’Istruzione Superiore “Francesco REDI” di Paternò e presieduta inoltre dal comune di Misterbianco.

Durante la conferenza di presentazione, tenutasi allo stabilimento di Monaco presso la sala conferenze intitolata al professor Giuseppe Giarrizzo, il sociologo Salvo Cacciola ha esposto quelli che saranno i punti salienti e le attività previste, di seguito sono intervenuti a vario titolo la dott.ssa Giuseppa Di Pietro (Responsabile IX settore – Affari sociali – Comune di Misterbianco), l’assessore Parrinello (Solidarietà Sociale – Politiche per le Famiglie) e il Sindaco Di Guardo per il comune di Misterbianco, la dott.ssa Claudia Cardillo presidente della cooperativa sociale Ener.getica, la dott.ssa Rosa Vecchio coordinatrice del progetto, alcune studentesse in rappresentanza dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Francesco REDI” di Paternò, il prof.re Salvatore Russo Forcina (Docente tutor Percorsi alternanza scuola/lavoro IPAA di Paternò) e la nostra dirigente dott.ssa Caterina Lo Faro che ha sottolineato l’importanza di poter prendere parte ad un progetto così ambizioso che permetterà ai nostri alunni di contribuire attivamente a diffondere la cultura della legalità.

A conclusione dei lavori i partecipanti hanno degustato del pane condito con l’ottimo “olio del riscatto”, prodotto ottenuto dalle olive del terreno confiscato grazie all’impegno degli alunni paternesi che già precedentemente sono stati impegnati in una fase preliminare del progetto stesso.

 

 

  • Condividi questo post su Facebook

Non è possibile inserire commenti.